Digital signage

Posted by admin on 8 giugno 2014 in Internet e software |

Preso in considerazione solo da pochi anni in Italia, il Digital Signage propone un modo nuovo di fare comunicazione, più intuitivo, dinamico e preciso.

Sfrutta il potere delle immagini in movimento di uno schermo o di un proiettore, in grado di attirare maggiormente l’attenzione rispetto all’immagine statica di un cartellone pubblicitario, un dépliant o un avviso. È molto più diretto e personalizzabile e può essere gestito con un opportuno software da qualsiasi dispositivo connesso in rete.

Pensando al Digital Signage, inevitabilmente, tornano alla mente alcuni frammenti del film “Minority Report”, quando gli schermi posti nella hall di un palazzo accolgono il visitatore, proponendo offerte mirate e indicazione precise per il solo soggetto che in quel momento è nel raggio di azione dello schermo sensibile.

Se pure prodotta alcuni anni fa, la pellicola conserva ancora oggi una visione di parte della realtà che non si discosta poi da quello a cui la nostra società tende: un tipo di informazione (pubblicità, intrattenimento, informazioni tout court) mirato per chi in quel momento sta guardando l’immagine.

Attraverso opportune azioni programmate di marketing, tanto pubblicitarie quanto informative, ogni azienda punta a realizzare un qualcosa che resti impresso, che colpisca favorevolmente l’immaginazione di chi guarda, così da intraprendere una nuova azione (un acquisto, una visita al sito, un percorso alternativo all’interno di una galleria commerciale…).

Il Digital Signage serve proprio a questo, ad accogliere il visitatore e fornire informazioni, utili e mirate, per chi entra in contatto con l’azienda, sia essa pubblica o privata.
È un servizio che pubblicizza – nel senso antico del termine – qualcosa non per forza con finalità commerciali o almeno non solo.

Sono sempre più diffusi gli schermi negli uffici postali, nelle stazioni metro o ferroviarie, oppure negli aeroporti (solo per dare alcuni esempi che non puntano unicamente alla vendita di un prodotto), in cui si forniscono informazioni pratiche, facendole passare per intrattenimento leggero. È da tenere in conto che in una situazione del genere possano anche essere infilate con regolarità delle inserzioni pubblicitarie. Tutto ha un costo.

Ma un altro esempio, in linea con quanto detto finora, ma meno legato al marketing, è quello delle pubbliche amministrazioni: negli uffici aperti al pubblico iniziano ad essere sempre più diffusi gli schermi, spesso touch, in cui l’utente può interagire direttamente con la banca dati collegata al monitor e ricevere informazioni puntuali.

L’utente è lasciato da solo nella ricerca delle informazioni, ma solo apparentemente, poiché in realtà è guidato passo passo dal servizio stesso. Ovviamente, dietro ci deve essere un’ottima rete in grado di gestire, tramite una piattaforma software costruita ad hoc, il tipo di contenuto multimediale offerto.

Ed è qui che la soluzione Gaspmedia entra in gioco, fornendo al cliente un software esclusivo mirato alla gestione dei contenuti, ricco di funzionalità e adatto per generare al meglio la comunicazione.

 

 

Copyright © 2011-2017 I migliori prodotti e servizi del web All rights reserved.
Desk Mess Mirrored version 1.9 theme from BuyNowShop.com.